FAC SIMILE PROTOCOLLO PROFESSIONISTI


Il presente protocollo d’intesa è finalizzato ad offrire un trattamento a tariffe “sociali” – ovvero a tariffe ridotte rispetto a quelle solitamente applicate dal professionsista – al fine di offrire ai soci ordinari della Federazione Farereteonlus la possibilità di ricevere assistenza specialistica.

                                        

                                  PROTOCOLLO D’INTESA


TRA

FARERETEONLUS nella persona del Legale Rappresentante Dr. ssa Emilia Ciorra

E

Il/laprofessionista dr. ___________________________________________________qualifica professionale

E

Ente/Organismo no profit ____________________________nella persona del legale Rappresentante ________________________________________________ (da indicare nel caso in cui il professionista operi per il tramite di un soggetto No Profit)

Di seguito congiuntamente “Le parti”

PREMESSO CHE

L’Associazione di promozione sociale “FEDERAZIONE DI ENTI ED ORGANISMI NO PROFIT FARE RETE PER IL VALORE DELLA PERSONA E DELL’IMPRESA SOCIALE – ONLUS ” di seguito denominata “FARERETEONLUS” con  sede in Aprilia (LT) in via delle Margherite, nr. 121 è stata costituita formalmente nel maggio 2016, con la finalità di promuovere sul territorio regionale i principi di sussidiarietà orizzontale, di Pubblica Amministrazione condivisa, di partecipazione e di cittadinanza seria e responsabile per lo sviluppo di una comunità sociale “coesa” attraverso il modello del cd. Welfare di Comunità, che pone al centro del proprio operare il pieno sviluppo della persona umana e la lotta contro la povertà e l’esclusione sociale, il pregiudizio socio-culturale, l’intolleranza ed il razzismo per favorire lo sviluppo di politiche di crescita sostenibile, intelligente ed inclusiva. I Soggetti costituenti FarereteOnlus (Associazione Dialogo Onlus, Aps Casa Lazzara e Cassiopea soc. coopeativa sociale ) hanno condiviso le comuni ragioni fondative, con l’intento di sviluppare risposte appropriate ai bisogni primari delle comunità che rappresentano, alle quali, a seguito dei pesanti tagli allo stato sociale, si sono aperte nuove prospettive di povertà e di forte disagio sociale. Situazioni che risultano fortemente condizionate dai contesti sociali ed economici di appartenenza, causando così nuove fragilità, e privando le persone del diritto di una vita dignitosa. Le  associazioni hanno poi convenuto di proporre “Protocolli d’intesa o collaborazione” ad Enti o Associazioni o Comitati senza autolimitazioni rispetto al livello di rappresentatività regionale del Lazio, privilegiando, in questa prima fase operativa, il livello distrettuale socio-sanitario, istituzionalmente già riconosciuto dalla L. Reg. n. 38/1996; tutto ciò a cura delle rispettive strutture territoriali in forma congiunta, promuovendo iniziative che sono definite di comune accordo e sono oggetto di verifiche periodiche. La Federazione Farereteonlus dal 24 agosto 2016 è stata inscritta presso l’Anagrafe delle Onlus tenuta presso la DRE Lazio ai sensi dell’art. 4 comma 2 del DM 18 LUGLIO 2002, NR. 266. SITO WEB WWW.FACCIAMORETE.ORG

La mission di FARERETEONLUS è riassumibile come segue:

  • Offrire assistenza sociale, socioeducativa e sociosanitaria alle persone più svantaggiate, persone sfruttate o sottoposte a fenomeni di costrizione, persone senza fissa dimora, persone anziane sole ed emarginare, madri con figli minori e donne in gravidanza, in grave condizione di disagio psicosociale o comunque in situazione di svantaggio in ragione di condizioni  psichiche, fisiche, economiche e/o sociali, minori o figli riconducibili a genitori soggiogati, maltrattati o in qualsiasi stato di disagio sociale, prodigandosi nel cercare le risorse necessarie per dare una risposta efficace ai loro bisogni.
  • Promuovere l’accoglienza anche attraverso specifiche strutture dove chi vive nel disagio sociale possa sentirsi accolto e sostenuto. La Federazione è impegnata nella realizzazione di strutture socio assistenziali ed educative al fine di avviare gli accolti verso percorsi di recupero ed integrazione sociale;
  • Promuovere servizi socioassistenziali innovativi attraverso la cultura, l’educazione e lo sport per minori e giovani, adulti ed anziani nelle famiglie più vulnerabili per situazioni di disagio economico familiare e/o emarginazione sociale;
  • Promuovere lo sviluppo di reti tra agenzie educative, sociali, culturali e sportive in riferimento ai nuclei familiari più vulnerabili per situazioni di disagio economico familiare e/o emarginazione sociale;
  • Promuovere programmi ed attività di contrasto alla povertà che prevedono misure di inclusione sociale attiva dei soggetti sociosvantaggiati di cui all’art.10 del D. lgs 460/97;
  • Promuovere la partecipazione alla pianificazione, programmazione e progettazione integrata dei soggetti No Profit del III Settore dei Piani di zona sociali , nell’ambito di misure specifiche di contrasto alla povertà;
  • Favorire l’accesso ai servizi alle persone disabili, anziani non autosufficienti, (Assistenza domiciliare, accesso a strutture semiresidenziali, assistenza familiare),
  • Promuovere azioni di ricerca e innovazione sociale per la lotta all’esclusione ed emarginazione sociale;
  • Predisporre e gestire strutture con spazi e ambienti idonei allo svolgimento d’attività e servizi compatibili con gli scopi sociali;
  • Promuovere la costruzione di una solida “Rete del Terzo Settore”, in tutti i territori nei quali si opera per consentire l’incontro e lo scambio tra Associazioni No Profit, Enti Morali, Onlus, Organizzazioni di Volontariato, Associazioni di Promozione Sociale, Cooperative Sociali, Scuole, operanti nel mondo della relazione d’aiuto e dei servizi alle persone più vulnerabili, al fine di programmare interventi in cooperazione allargata, attraverso cui accedere mediante la progettazione sociale locale, regionale, nazionale ed europea.

Per il raggiungimento delle proprie finalità, istituisce:

1-L’ OSSERVATORIO DEI CITTADINI PER IL CONTRASTO ALLA POVERTA’ E L’INCLUSIONE SOCIALE :l' “Osservatorio” intende collocarsi nello sviluppo del sistema di welfare cittadino, per mappare ed arginare i fenomeni di vulnerabilità e marginalità sociale. Con l'obiettivo di: - fornire strumenti per l'analisi della domanda e dei nuovi bisogni sociali; -  elaborare modelli di progettazione sociale, adeguati a dare risposte alle domande sociali emergenti; - documentare, approfondire, e rendere sistematiche, le conoscenze sui cambiamenti sociali in corso, che producono in modo crescente condizioni di vulnerabilità e marginalità sociale; - sensibilizzare gli attori sociali sulle diverse forme di disagio ed esclusione, sperimentando nuovi spazi e nuovi modelli di comunicazione, con particolare attenzione alle tematiche a più ampio impatto o a più elevata sensibilità sociale-

2-IL FORUM NUOVI CITTADINI per l’inclusione di immigrati e rifugiati, in particolare donne e minori, minori non accompagnati, nomadi e rom, quali categorie particolarmente a rischio marginalità.

AREE TEMATICHE TRASVERSALI – Povertà: povertà economica - povertà multidimensionale - povertà soggettiva -  analisi degli strumenti di intervento: _ cronicizzazione degli interventi assistenziali _ strumenti di regolazione degli interventi sociali e assistenziali _ misure di integrazione del reddito dirette e indirette - Marginalità e vulnerabilità sociale: nuclei monogenitoriali e rischio di povertà - dispersione ritardo e abbandono scolastico - adolescenti a rischio - seconde generazioni di immigrati - senza fissa dimora, emarginazione di strada - perdita del lavoro e difficoltà di reinserimento - perdita dell’alloggio - debiti e usura - nuove dipendenze – disturbo psichiatrico-prostituzione e vittime della tratta.

In particolare tra i risultati che il presente accordo apporterà al territorio, sono in generale:

-          Promuovere politiche a favore della famiglia e della persona, politiche per l’inclusione e i diritti di cittadinanza

-          Assicurare percorsi di accesso per tutti i cittadini alla rete dei servizi (welfare d’accesso)

-           Migliorare la dotazione infrastrutturale e dei servizi nell’area bersaglio individuata

-          Creare una rete di livello essenziale di assistenza cha attenui e abolisca le differenze sociali andando ad incidere con politiche integrate di inclusione sociale sulla condizione di un permanente supporto,

-           Creare opportunità ove possibile di autonomia anche valorizzando il ruolo della famiglia e sostenendo il lavoro.

Nello specifico:

a)  favorire misure ed interventi per lo sviluppo di servizi tesi a migliorare la qualità della vita ed il benessere del minore  nella famiglia, nella scuola e nella società.

b) creare infrastrutture e servizi di supporto socio-educativo, socio-culturale e socio-sanitario, infrastrutture funzionali e necessarie all’attuazione delle iniziative coerenti con il programma , anche al fine di favorire misure ed interventi per lo sviluppo di servizi socio-sanitari;

c) recuperare minori,  giovani ed adulti a rischio di esclusione sociale  con interventi che favoriscano la formazione e l’inclusione;

d) incrementare nuove attività formative d’aula, ed in particolare, ove esistano le condizioni per il  loro  regolare svolgimento, si potranno tenere presso sedi di maggiore opportunità;

e) sviluppare attività di stage per giovani che  si potranno svolgere nell’ambito dell’alternanza Scuola-Lavoro;

f) sviluppare attività di tirocinio per adulti con apposito Cantiere – Lavoro all’uopo allestito di comune intesa tra Istituzioni Pubbliche e privato sociale.

L’Associazione ha attivato i seguenti servizia sportello:

-SPORTELLO CONTRO IL BULLISMO ED IL DISAGIO MINORILE E GIOVANILE

-SPORTELLO DSA E PER MINORI CON BISOGNI SPECIALI

-SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA FAMIGLIA

-SPORTELLO PARI OPPORTUNITÀ E POLITICHE DI GENERE

-SPORTELLO DISABILITÀ’

-SPORTELLO DONNA

-SPORTELLO CONTRASTO ALLA POVERTA’ ED INCLUSIONE SOCIALE

-SPORTELLO IMMIGRATI

-SPORTELLO DEL CONSUMATORE in collaborazione con KONSUMERITALIA

-SPORTELLO DI CONSULENZA LEGALE

CONVENGONO QUANTO SEGUE

  • 1)Le premesse formano parte integrante del presente Protocollo d’intesa.
  • 2)FARERETEONLUS si impegna ad individuare psicologi e psicoterapeuti, avvocati e consulenti esperti per fornire le prestazioni professionali, di seguito specificate  nell' appendice a favore dei soci ed affiliati.
  • 3)Le prestazioni saranno erogate dai professionisti Iscritti alla Federazione FARERETEONLUS e/o agli organismi affiliati a FARERETEONLUS che manifestano la volontà di aderire al presente Protocollo d’intesa.
  • FARERETEONLUS si impegna a pubblicare l’apposito elenco presso il proprio sito internet www.facciamorete.org.
  • 4)Le prestazioni saranno così determinate:
  • -Primo incontro gratuito;
  • -Per le eventuali prestazioni successive si concorda l’applicazione dello sconto di almeno 20% sulla tariffa del professionista;
  • -Per le eventuali prestazioni successive si concorda l’applicazione di prestazioni gratuite per le persone cd. vulnerabili rientranti nelle categorie di cui all’art. 10 D- Lgs. 460/97;
  • 5)Ai sensi dell’art. 13 del decreto legislativo 196/2003 i dati personali forniti al professionista che avranno cura di acquisire dall’interessato il preventivo consenso al trattamento saranno trattati:
  • -Per l’erogazione delle prestazioni;
  • -Per adempiere agli obblighi previsti dalla Legislazione nazionale e regionale
  • 6) Il titolare del trattamento è FARERETEONLUS . in qualsiasi momento il Beneficiario potra’ esercitare i diritti di cui all’art. 7 del D. lgs 196/2003 scrivendo all’indirizzo email www.facciamorete.org@gmail.com
  • 7)Le parti dichiarano di essere consapevoli dell’obbligo del rispetto dello Statuto, del regolamento del tesseramento e del Codice etico della Federazione Farereteonlus.
  • 8)Il presente protocollo ha decorrenza dalla data della firma e scadenza al 31.12.2017 e si intende tacitamente rinnovato di anno in annosalvo disdetta da trasmettersi mediante lettera raccomandata A/R con un anticipo di almeno 30 (trenta) giorni rispetto alla data di scadenza.

lI___________________________ 

IL PRESIDENTE                                                         IL PROFESSIONISTA

FARERETEONLUS                                                                  ___________